Grande tristezza per Aleksej Naval’nyj ma spero e credo che non sia morto invano.

In questi anni ho seguito con attenzione l’azione politica di Navalny, principale oppositore al regime di Putin. Ho sempre pensato che quando venne salvato dall’avvelenamento in Germania non avrebbe dovuto tornare in patria e combattere da esule la sua battaglia. Lui tornò e venne subito incarcerato. Dopo anni di torture e’ stato ucciso dal regime putiniano. Provo una grande tristezza ma credo che non sia morto invano. Spero che dentro questo straordinario Paese, quale è la Russia, qualcuno trovi la forza di portarne avanti l’eredità.

Potrebbero interessarti anche...