Stanziati 120.000 Euro a favore delle famiglie e delle imprese maggiormente colpite dagli aumenti dalla TARES

La Giunta albese, nel corso della seduta di venerdì 2 agosto, ha approvato con la deliberazione 270/2013 la variazione di bilancio d’urgenza che contiene tra l’altro lo stanziamento di Euro 120.000,00 a sostegno dei cittadini e delle imprese maggiormente colpite dagli aumenti della nuova tassa rifiuti, nota come TARES, introdotta dal Governo Monti.

40.000,00 Euro saranno destinati alle attività economiche che hanno aumenti superiori al 25% rispetto alla TARSU; 80.000,00 Euro saranno destinati alle famiglie più numerose e con basso reddito.

Per le imprese, in tal modo, gli aumenti più significativi verranno contenuti nella misura del 25%; per le famiglie l’Amministrazione sta concordando con le organizzazioni sindacali i criteri (modelli ISEE; abbattimenti ecc.) per la definizione del contributo.

Le modalità per le domande di contributo verranno rese note nelle prossime settimane e l’erogazione verrà effettuata dopo il pagamento della seconda rata.

Il Sindaco Maurizio Marello si dichiara soddisfatto: “Abbiamo tenuto fede ad un impegno preso nelle scorse settimane per cercare di contenere gli aumenti previsti da una tassa che personalmente continuo a definire ingiusta ed anticostituzionale. Lo stanziamento aiuterà le imprese e le famiglie più in difficoltà, maggiormente colpite dagli aumenti. Le risorse le abbiamo reperite anche grazie alla riduzione dei compensi degli Amministratori, compresi i nostri (per 60 mila euro) e grazie alle politiche di rigore e di riduzione della spesa pubblica che lo scorso anno ci ha consentito di azzerare il debito, risparmiando così alcune centinaia di migliaia di euro di interessi passivi sui mutui.

Siamo tra i pochissimi Comuni italiani ad aver adottato per ora un provvedimento del genere. L’auspicio è che il Governo Letta cancelli la TARES e ripristini l’autonomia impositiva dei Comuni in materia di rifiuti, trattandosi di una loro competenza specifica.

L’Amministrazione ricorda inoltre a chi non avesse ancora versato la prima rata entro lo scorso 31 luglio, di farlo in questi giorni con il ravvedimento operoso, evitando in tal modo la maggiore sanzione per il ritardo nel pagamento previsto dalla Legge.

A tal fine è possibile rivolgersi all’Ufficio Tributi del palazzo comunale, in piazza Risorgimento 1, tel. 0173 292401-404-405-406-287 tributi@comune.alba.cn.it nei seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30; sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.00; giovedì apertura pomeridiana dalle ore 14.30 alle ore 16.30.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *