Partito da Alba il “5° Raduno Alpini in Langa: Mango – Camo 2013”

«Siete sempre presenti, date una mano alla gente e lo fate con grande spirito di altruismo»

Raduno Alpini 2013_3

Sabato 27 aprile in piazza Trento e Trieste ad Alba, il Sindaco Maurizio Marello insieme all’Assessore all’Agricoltura e Ambiente Massimo Scavino e al Consigliere Pierangelo Bonardi ha partecipato alla cerimonia di apertura del “5° Raduno Alpini in Langa: Mango – Camo 27 – 28 aprile 2013” con l’alzabandiera, la deposizione della corona di alloro sul monumento ai caduti, l’accensione della fiaccola e la partenza della Staffetta alpina del Gruppo Sportivo Sezionale di Cuneo con la fiaccola verso Treiso, poi Neive, una tappa alla chiesa Ambrogi, il proseguimento per Camo e l’arrivo a Mango con la deposizione della corona ai caduti, i gazebo di prodotti artigianali ed enogastronomici, la deposizione della corona ai caduti di Mango,  l’intrattenimento musicale del gruppo “I Farabrac” e lo spettacolo cabarettistico di Enzino Cortese, con interventi della corale “Avezza Ugo” di Mango.

«Questa – ha affermato il Sindaco Maurizio Marello– è per noi un’occasione per ricordare gli alpini che non ci sono più e gli alpini caduti in Russia. E’ passato da poco il 25 aprile. Pensiamo agli alpini che dopo l’8 settembre furono tra quei seicento mila militari italiani deportati in Germania e quelli che scelsero la Resistenza e quindi si unirono alle forze partigiane e contribuirono in maniera decisiva alla Liberazione e alla conquista della libertà e della democrazia per il nostro paese. Ricordiamo anche gli alpini che sono mancati negli ultimi anni e non sono più con noi, gli alpini impegnati nelle missioni di pace all’estero per costruire la democrazia ed aiutare le popolazioni che soffrono. E poi, voglio ricordare voi alpini per il lavoro nelle nostre comunità civili, in Alba e negli altri paesi. Siete sempre presenti anche
attraverso i nuclei di Protezione civile, date sempre una mano alla gente e lo fate sempre con grande spirito di altruismo. Alba vi ringrazia».     

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *