Musica classica, folk e jazz alla 39ª Stagione Musicale del Civico Istituto Musicale “Lodovico Rocca” di Alba

9-16-23 marzo e 6 aprile.

I nostri talenti

Matteo Biscotti, Simone Benevelli e Matteo Cotti

9 marzo, ore 21, sala “Beppe Fenoglio”

 

La Stagione Musicale del Civico Istituto Musicale “Lodovico Rocca” di Alba conta 39 edizioni e si conferma come la più antica manifestazione culturale albese. E’ organizzata in collaborazione con l’Associazione Amici dell’Istituto Musicale, con il contributo della Fondazione CRC e l’iscrizione nel calendario degli eventi della Primavera di Alba.

Quattro concerti, il 9,16 e 23 marzo ed il 6 aprile, dalla musica classica, al folk, al jazz ad ingresso libero, con la direzione artistica di Micaela Patria.

Ogni evento costituisce la prosecuzione, aperta al pubblico, del rispettivo seminario interdisciplinare di educazione all’ascolto e studio del repertorio riservato agli allievi dell’Istituto Musicale, che si tiene nel pomeriggio, con l’attiva collaborazione della professoressa Lia Griseri. Ciascun evento è accompagnato dalla “guida all’ascolto” curata dal professor Nicola Davico.

 

Il primo appuntamento sarà mercoledì 9 marzo, alle ore 21, nella sala “Beppe Fenoglio”, con ingresso dal Cortile della Maddalena.

Si esibiranno “I nostri talenti” ovvero i talenti del Civico Musicale: Matteo Biscotti al pianoforte solo, Simone Benevelli al clarinetto e Matteo Cotti al pianoforte. Eseguiranno musiche di Chopin, Schumann, Rota e Stravinsky.

Matteo Biscotti

Il professor Nicola Davico commenta: «Più di cinquant’anni orsono, un giovane, irriverente musicista francese scriveva: “In fin dei conti, per quanto a prima vista possa sembrare sorprendente e incongruo, non vi è tradizione nel senso ben fisso che si accorda in genere a questo termine; ma esiste un flusso storico mondiale nel quale ci si inserisce pragmaticamente, o secondo coordinate teoricamente precise”. Pierre Boulez, musicista straordinario scomparso da meno di un mese, ci ricorda ancora oggi che le differenze che danno linfa alla storia della musica appartengono ad un universo complesso che noi difficilmente cogliamo. La stagione che si presenta quest’anno vede quattro appuntamenti dedicati ognuno a un ambito di questo universo: il linguaggio polifonico corale tradizionalmente occidentale si apre ad uno sguardo “verso est”, mentre la musica da camera più “colta” si rapporta al mondo cameristico jazz. Compito del musicista in particolare – e dell’artista in generale – è sempre stato e deve rimanere la ricerca del riconoscimento di questo flusso universale e la propria personale integrazione nel suo continuo scorrere. Auguriamo a tutti un buon ascolto.»

 

Il Sindaco Maurizio Marello commenta: «Il Civico Istituto Musicale “Lodovico Rocca” è uno dei fiori all’occhiello del panorama culturale della nostra città. Accoglie circa 250 allievi frequentanti i numerosi corsi attivati ogni anno: arpa, pianoforte, organo, violino, viola, violoncello, chitarra, canto lirico, canto moderno, flauto, clarinetto, sassofono, tromba, trombone, batteria e chitarra elettrica. In ogni percorso c’è tanto impegno, tanto studio e molti sacrifici. Tanto ci mettono gli studenti accanto agli insegnanti ed al personale, nelle diverse passioni artistiche seguite nel corso di ogni anno scolastico. Da tanto lavoro sboccia la “XXXIX stagione di musica da camera”. E’ una manifestazione ormai storica. Anche quest’anno diversi appuntamenti tra marzo e aprile porteranno sul palco il talento e l’espressività dei giovani allievi che raccoglieranno applausi e soddisfazioni per le loro esibizioni. Oltre a ciò, l’attivo Istituto organizza numerosi concerti e momenti musicali in città e nei Comuni limitrofi insieme ad altre iniziative perfettamente integrate con l’attività didattica per una formazione continua con il palcoscenico. Questa strategia formativa sicuramente porta ottimi risultati. Perciò, auguro ai numerosi giovani che hanno scelto di seguire questo percorso formativo, un luminoso futuro nel mondo dello spettacolo».

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *