L’ipotesi di lavorare alla creazione di una provincia di Alba non è affatto tramontata e novità interessanti sono previste entro fine mese.

dall’intervista di Beppe Malò pubblicata su IL CORRIERE di lunedì 11 aprile:

Lo afferma con decisione il sindaco Marello e lo sottoscrive l’assessore Massimo Scavino. Per dare concretezza al progetto, la prossima mossa sarà quella di proporre ai sindaci del territorio per iniziare a valutare i termini di una proposta che, in tempi successivi, prenderà la forma di una “Carta dell’autonomia”.

«Lo scopo che ci prefiggiamo – sottolinea Marello – è quello di fare chiarezza sui contentuti della nostra proposta. Noi non abbiamo pregiudizi o preconcetti di tipo formale: quello che vogliamo è riuscire ad affermare il valore e l’ampiezza della nostra autonomia. Si può parlare correttamente di “provincia leggera”: per noi va bene. Non puntiamo ad una rivendicazione geografica a tutti i costi o ad una provincia necessariamente istituzionale. Ci interessa discutere col comprensorio quali servizi già abbiamo e quali ci servono per realizzare un quadro di autonomia attiva, in una prospettiva di applicazione del principio di sussidiarietà».

Con quali interlocutori?

«Con le istituzioni naturalmente. Intendendo con questo termine non solo i sindaci del territorio, ma anche le forze sociali, il tessuto produttivo, le forze economiche. Con tutti questi soggetti è necessario delineare un progetto di condivisione del progetto e di analisi di ciò che serve, non serve, o è già disponibile».

In pratica quando si comincia?

«In settimana si prenderanno i primi contatti, entro fine mese potremo fare le prime valutazioni sulla sottoscrizione di questa Carta dell’autonomia».

Quale territorio potrebbe coagularsi intorno a questa proposta?

«Pensiamo – conclude  Scavino – che il territorio individuato dal progetto Unesco sarebbe un buon punto di partenza. Alba, Bra, le Langhe, il Roero, il Monferrato rappresentano un territorio peculiare e coerente sotto molti aspetti. Secondo noi è un buon punto di partenza».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.