Lettera agli Albesi

Cari Albesi,

tutti i mezzi di comunicazione hanno dato ampia informazione sulla manovra economica decisa dal Governo.  A me resta solo da confermare che essa colpisce in modo particolarmente duro, ed ingiusto, i Comuni, ed attraverso di loro tutti i cittadini.

Negli anni i Comuni si sono sempre caricati con senso di responsabilità quote non piccole dei sacrifici per migliorare la complessiva situazione economica del Paese. Ora, anziché vederci riconosciuta la nostra virtuosità, assistiamo a nuovi tagli che lasciano sbalorditi. Ciò si aggiunge alla più volte denunciata stretta rappresentata dal Patto di stabilità che, con norme al limite dell’incomprensibilità, ci impedisce di operare, vietandoci di spendere denaro che giace infruttuoso nelle casse comunali.

Nonostante questi vincoli, nel corso del primo anno della mia Amministrazione, abbiamo realizzato cose importanti, ed altre ne abbiamo messe in cantiere.  Anche nell’anno in corso riusciremo a completare e ad avviare un’altra, nutrita serie di interventi. Non so però, in tutta sincerità, preso atto dei minori trasferimenti statali per il 2011 (più di 800.000 euro) e per il 2012 (quasi un milione e mezzo di euro), come potremo continuare ad assicurare ai cittadini la vasta gamma di servizi che fino ad oggi il Comune di Alba ha fornito loro.

Mi sembra importante che tutti gli albesi prendano coscienza di questo problema, che tocca asili nido e servizi di assistenza scolastica, Informagiovani e biblioteche, mense e assistenza domiciliare, centri anziani e impianti sportivi, trasporti pubblici e sostegno alle persone diversamente abili. Spetta anche a loro far sentire la propria voce di dissenso per cercar di fare in modo che la manovra del Governo sia meno iniquamente squilibrata verso i Comuni e le fasce più bisognose della popolazione.

Maurizio Marello

 

Sull’ultimo numero di ALBANOTIZIE  (n.3 del 26 luglio) si può trovare il rendiconto di un anno di amministrazione:

http://www.comune.alba.cn.it/COMUNE/Servizi_Uffici/Servizi_Staff/AlbaNotizie/AlbaNotizie_10-03.pdf

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.