L’Amministrazione comunale di Alba ha ricordato le nove vittime dell’alluvione del 1994

Ieri, domenica 4 novembre,  l’Amministrazione comunale di Alba guidata dal Sindaco Maurizio Marello ha ricordato le nove vittime dell’alluvione del 5 e 6 novembre 1994 quando la città travolta dai fiumi Tanaro e Talloria provocò morti e ingenti danni al territorio.

Quella tragedia diciotto anni fa si portò via Caterina Giobergia, Felicita Bongiovanni, Maria Magliano Sobrino e il nipotino Riccardo Sobrino, i coniugi Daniele Vola e Daniela Mascarello, Nichelino Carmine Iannone, Maria Di Paola, Emiliano Rossano. In loro memoria una cerimonia con il sindaco di allora Enzo Demaria, membri dell’Associazione Volontari di Protezione Civile “Proteggere Insieme”, Croce Rossa – Gruppo di Alba, Asava (Associazione servizio autisti volontari ambulanza), Associazione Nazionale Carabinieri Alba con l’Unità Cinofile ed esponenti delle forze dell’ordine. Un momento di raccoglimento in Corso Torino prima, poi il lancio di una corona di fiori sul Tanaro dal vecchio ponte.

“Un momento tragico – ha ricordato il Sindaco Marello – per la nostra comunità, per il nostro territorio. Vittime, distruzione. Ma fu anche il momento in cui la nostra comunità è rinata grazie alla solidarietà, all’unità, all’aiuto che abbiamo ricevuto e grazie al fatto che allora iniziò l’esperienza della Protezione civile. Perciò, voglio ringraziare tutte le organizzazioni di volontariato qui presenti. Date sicurezza ai cittadini, siete in costante aiuto alle popolazioni colpite dalle calamità naturali e quindi state restituendo quella solidarietà che Alba ha ricevuto nel 1994. Grazie”.

Dopo la cerimonia il Sindaco Marello accompagnato dagli assessori alla Protezione civile Paolo Minuto e all’Ambiente Massimo Scavino ha salutato i volontari in Piazza Cagnasso per la giornata “Volontariato in Piazza”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *