Incontro con le scuole albesi e gli alunni di Scampia

«Non ci stancheremo mai di ricordare uomini e ragazzi che hanno sacrificato la propria vita per alti ideali»

 Marello Teatro Scampia_1

Oggi, martedì 23 aprile, al Teatro Sociale “G. Busca” di Alba il Sindaco di Alba Maurizio Marello insieme all’Assessore all’Istruzione Luigi Garassino ha incontrato le scuole medie albesi,  gli alunni di Scampia  e la compagnia teatrale “Vodisca Teatro” composta da giovani attori e tecnici del quartiere Scampia (Napoli).

All’incontro organizzato nell’ambito delle celebrazioni albesi per la Festa della Liberazione, il Sindaco Marello ha spiegato ai ragazzi il significato del 25 aprile per Alba: «E’ il giorno della Liberazione dal nazifascismo, dalla dittatura. Una liberazione iniziata nel 1943 con l’armistizio, partita dal sud con lo sbarco degli alleati in Sicilia. Le regioni meridionali furono le prime ad essere liberate, le nostre le ultime. Furono mesi di aspre battaglie dove un ruolo fondamentale lo ebbero i nostri partigiani. Poi, per noi è anche importante il periodo del 10 ottobre – 2 novembre, i ventitre giorni della Città di Alba nel 1944 narrati magistralmente dallo scrittore Beppe Fenoglio quando i partigiani liberarono la città e la ripersero dopo ventitre giorni. E’ l’inizio della fine per il regime nazifascista. I partigiani tornarono in città il 15 di aprile del 1945. Date fondamentali. Da lì nacque la nostra Repubblica e iniziò il cammino  verso la Costituzione e la democrazia. Anni difficili e cruciali che hanno aperto a decenni di libertà e di pace. Per questo non ci stancheremo mai di ricordare uomini e ragazzi, anche della vostra età, come Franco Centro quindicenne, che hanno sacrificato la propria vita per alti ideali».    

Il Sindaco Marello ha poi voluto leggere al pubblico “La pulitica”, il bel documento di “buona politica” ricevuto dagli alunni della Scuola primaria “U. Sacco”  nella prima mattinata sul particolare momento che il nostro paese sta attraversando.

Poi, Rosario Esposito La Rossa ha presentato lo spettacolo teatrale “Lenuccia” interpretato da Maddalena Stornaiuolo e Luigi Credendino con la regia di Aniello Mallardo.   «E’ un orgoglio presentare questo spettacolo in questa città che rappresenta in Italia uno dei capisaldi della resistenza», ha affermato Esposito La Rossa prima di presentare la storia della resistenza di Napoli attraverso gli occhi e la storia di Maddalena Cerasuolo, detta “Lenuccia” donna e partigiana, a cui oggi è dedicato un famoso ponte della stessa città.

Le celebrazioni albesi per il 25 Aprile, Festa della Liberazione, continuano:

Mercoledì 24 aprile, alle ore 21, nella Chiesa di San Giuseppe di Alba, proiezione del film, di Dino Risi con Alberto Sordi “Vita difficile”. Commento a cura del professor Pier Mario Mignone.

Giovedì 25 aprile, a Valdivilla, alle ore 11.00, raduno partigiano e commemorazione.

A Treiso, alle ore 20.00, fiaccolata alla Cappella dei Canta. Alle ore 21.30, nella palestra comunale di Treiso, concerto di Gianmaria Testa alternato a letture dello storico Marco Revelli.

Le manifestazioni sono organizzate dal Comune di Alba con la collaborazione dell’Associazione Colle della Resistenza, dell’A.N.P.I. di Alba, dell’Associazione “Padre Girotti” e di “Collisioni”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *