Inaccettabile la chiusura di 14 linee ferroviarie. Nessuna concertazione con gli enti locali

“Da sindaco trovo inaccettabile che si venga a sapere dai giornali che la commissione consigliare della Regione Piemonte venerdì ha deciso di chiudere 14 linee ferroviarie dal 10 giugno prossimo. Non c’è stata nessuna concertazione con gli enti locali. Chi ci governa e ha competenza in questo campo, che tipo di ragionamento sta facendo, se non semplicemente quello dei tagli?”.

Non usa mezzi termini il sindaco di Alba Maurizio Marello per denunciare in Consiglio comunale di mercoledì 30 maggio  il mancato coinvolgimento degli enti locali su una decisione così strategica come la chiusura delle tratte ferroviarie Alba – Asti e Alba – Alessandria insieme ad altre dodici linee regionali piemontesi.

“Mi spiace – aggiunge il sindaco – che anche l’opposizione regionale abbia un atteggiamento compiacente e di resa verso chi assume decisioni senza neanche consultarci. Penso che almeno quanti fanno parte dell’assise regionale dovrebbero tenere conto delle istanze del territorio”.

Con queste parole il sindaco è intervenuto nella discussione su un ordine del giorno relativo alla situazione del trasporto pubblico locale presentato dalla maggioranza consigliare ed approvato anche con il voto favorevole dell’opposizione. Il documento impegna il sindaco e la giunta a premere sul governo regionale affinché riveda la strategia sul trasporto pubblico basata solo su tagli, piuttosto che sul concepirla come strumento fondamentale di crescita sostenibile del territorio. Il documento impegna l’Amministrazione a coinvolgere gli enti locali del territorio e a promuovere con essi un tavolo di confronto e coordinamento con proposte di riorganizzazione e potenziamento interprovinciale del trasporto pubblico locale.

“Stiamo approvando un ordine del giorno con le migliori intenzioni  – ha concluso Marello – ma probabilmente dal 10 giugno ci ritroveremo senza la linea Alba – Asti. Invito il Consiglio a tenere la barra alta su una vicenda che dal punto di vista del metodo non è assolutamente condivisibile”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Alessandro ha detto:

    molto in linea con le sue affermazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.