Giorno della Memoria. Le celebrazioni albesi

“Assistiamo purtroppo negli ultimi tempi a rigurgiti, non sufficientemente contrastati, di spregevole razzismo. La scarsa attenzione a questi fenomeni, nel corso del XX secolo, ha condotto a risultati spaventosi, in specie alle persecuzioni contro ebrei, zingari ed altre minoranze. È nostro dovere non dimenticare e tramandare la memoria di quelle aberrazioni”.

Con queste parole il Sindaco di Alba Maurizio Marello introduce il programma delle manifestazioni per la “Giornata della memoria” organizzate dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la sezione albese dell’ANPI e l’associazione “Padre Girotti”.

Venerdì 25 gennaio

Ore 10,30 – chiesa di San Giuseppe. Michele Bruno, partigiano in Jugoslavia e reduce dei lager nazisti, presenta il suo libro “Alles Bandieren”.

Ore 11,30 – sala dei “Giusti fra le nazioni”, presso la chiesa di San Giuseppe. Inaugurazione della mostra “1933 – 1945, sterminio in Europa”, con distribuzione di guide storiche sulle persecuzioni razziali. La mostra sarà aperta tutti i giorni fino al 10 febbraio.

Sabato 26 gennaio

Ore 10,30 – aula magna dell’Istituto tecnico agrario “Umberto I”, corso Enotria 1. “La Shoah: radici e premesse”, a cura degli studenti e dei docenti dell’Istituto

Ore 17 – santuario di Nostra Signora della Moretta. Messa in suffragio di padre Vincenzo Prandi, martire nelle Filippine.

Domenica 27 gennaio

Ore 9 – chiesa del Divin Maestro. Messa in suffragio delle vittime dei campi di sterminio.

Ore 10,30 – deposizione di corone d’alloro presso i cippi che ricordano le vittime dei campi di stermino.

Giovedì 7 febbraio

Ore 18,30 – libreria “La Torre”, piazza Pertinace 8. “Gli Ebrei deportati da Borgo San Dalmazzo”, incontro con Alberto Cavaglion (autore di “Nella notte straniera”) e con Elena Fallo (ricercatrice presso l’Istituto storico della Resistenza di Cuneo).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *