Alba: un omaggio a Carla Passalacqua ha aperto gli eventi per l’8 marzo in città

L’omaggio a Carla Passalacqua ha aperto l’8 marzo festa della donna ad Alba. In sala Ordet  è stata ricordata l’attivista e dirigente sindacale, attraverso un incontro molto partecipato promosso da Fnp Cisl Torino in collaborazione con l’Assessorato alle Pari opportunità guidato dall’Assessore Rosanna Martini e la Consulta comunale per la realizzazione  delle pari opportunità tra uomo e donna.

 

«Ringrazio la Cisl per aver scelto Alba per questo momento di ricordo e di riflessione su quello che Carla Passalacqua ha lasciato a tutte voi e a tutti noi – ha dichiarato il Sindaco di Alba Maurizio Marello all’incontro – Carla Passalacqua ha seguito principalmente il sindacato e la scuola con particolare attenzione ai diritti delle donne. È una sintesi estrema ma questi sono stati i perni principali del suo appassionato impegno. Credo che se fosse qui oggi insieme a noi sicuramente ricorderebbe che nel 1946 le donne iniziano a votare conquistando un diritto nella democrazia italiana e sarebbe sicuramente amareggiata del fatto che oggi talvolta non vota il 50 per cento degli aventi diritto. Dobbiamo fare una riflessione anche su questo avendo la capacità di leggere i tempi e di mettere in atto quelle azioni positive per ricostruire quel rapporto di fiducia e di cittadinanza senza dei quali una democrazia non può vivere».

 

«Questo appuntamento – ha ricordato l’Assessore comunale alle Pari opportunità Rosanna Martinifa parte della manifestazione “Marzo Donna” giunta alla seconda edizione con l’intento di far riflettere sulle tematiche femminili. Quest’anno il fil rouge è la determinazione e l’innovazione. L’opera di Carla Passalaqua esprime molto bene questi due termini. È stata una donna molto determinata, ha portato avanti progetti in cui credeva, è stata innovativa. Grazie a lei, nella nostra città abbiamo avuto il tempo pieno nelle scuole. Ho un ricordo bellissimo di questa donna volontaria anche nel Consultorio. Era una persona positiva ed allegra. È stata un vero esempio ed attraverso la sua figura vogliamo inviare un messaggio a tutte le donne quotidianamente chiamate a svolgere tantissimi lavori contemporaneamente».

 

Carla Passalacqua, classe 1933, è scomparsa a Milano il 26 luglio 2015. Originaria di Carpeneto (AL) è stata a lungo dirigente scolastica a Neive e poi al Terzo circolo didattico albese. Ad Alba era nota per il suo ruolo di attivista sindacale e per aver svolto per molto tempo attività di animatrice nell’ambito dell’Associazione italiana maestri cattolici. Carla Passalacqua è stata vicepresidente del Comitato nazionale di parità del Ministero del lavoro e componente di quello istituito a palazzo Chigi.

Ad Alba si è battuta per il tempo pieno, la presenza dei genitori a scuola, l’integrazione dei bambini disabili, i comitati scuola famiglia e l’attenzione ai più deboli che grazie al suo impegno sono diventate realtà.

 

La mattinata omaggio a Carla Passalacqua è proseguita con lo spettacolo della Compagnia teatrale “Cattive Ragazze”.

Durante la prima parte sono anche intervenuti Pier Giovanni Listello segretario generale Fnp Cisl Piemonte, Domenico Lo Bianco segretario della Cisl Torino-Canavese, Rinaldo Olocco segretario generale Pensionati Cisl di Cuneo e Rosina Partelli segretaria regionale della Cisl Fnp  Piemonte.

 

La giornata dedicata alle donne prosegue nel pomeriggio dalle ore 17.00 il “Brindisi alle donne!” alla Libreria L’Incontro (via Mandelli, 13) con la presentazione dei libri di Giuseppina Valla: “La forza dell’edera” (Edizioni Araba Fenice, 2012) e “Non ti fermare sul ponte” (Edizioni Araba Fenice, 2015).

Seguirà alle ore 21.00 al Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” in piazza Medford la presentazione del romanzo “Ti ho vista che ridevi” (Rubbettino Editore, 2015) firmato dal gruppo di autori Lou Palanca. Si parlerà delle donne calabresi che negli anni ‘60 accettarono di sposare uomini contadini della Langa rifiutati dalle donne piemontesi che preferivano gli operai.

Alla serata organizzata dalla Condotta Slow Food Alba interverranno il presidente di Slow Food Carlo Petrini, il rettore dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Piercarlo Grimaldi, il docente di diritto ecclesiastico della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università della Calabria Nicola Fiorita e lo storico, sociologo e politologo italiano Marco Revelli accanto alla moderatrice Cinzia Scaffidi.

 

Oltre a ciò, le librerie di Alba predisporranno una vetrina sulle tematiche femminili e collaboreranno alla promozione della manifestazione “Marzo Donna”.

 

Inoltre, in occasione della “festa della donna” martedì 8 marzo, ingresso gratuito su nuoto libero per tutte le donne, nelle piscine gestite dal Centro Sportivo Roero: piscina comunale di Alba-San Cassiano, piscina comunale di Savigliano, piscina comunale di Asti, Stadio del Nuoto di Cuneo e Centro Sportivo di Sommariva Perno.

 

“Marzo Donna” continua venerdì 11 marzo alle ore 20.00 al Ristorante “La Mucca Pazza” (corso Canale, 28), l’incontro conviviale “Nell’Islam senza velo: una storia di integrazione al contrario” con Eleonora Quirico.  Organizzato  da Zonta Club Alba Langhe e Roero. (Costo cena: euro 25,00).

 

Sabato 12 marzo ore 21.00 nella chiesa di San Domenico (Via Teobaldo Calissano) il concerto per pianoforte e violoncello “Wingprinting – Cellule in ascolto” con Emiliano Toso e Lorena Borsetti, organizzato da Tiziana Musso in collaborazione con l’Associazione Luce e Armonia (contributo organizzazione euro 15,00 – info e prenotazioni 338 5813750).

 

Venerdì 18 marzo ore 21.00 nella sala conferenze di Palazzo Banca d’Alba (Via Cavour, 4) “Rompiamo il silenzio: endometriosi, una sofferenza nascosta”, serata organizzata dalla Consulta Pari Opportunità per la rassegna “Donne in Salute – medicina e mondo femminile”.

 

Sabato 19 marzo alle ore 15.00 “Worldwide EndoMarch Alba: la marcia per rompere il silenzio sull’endometriosi” organizzata dalla Fondazione Banca d’Alba in collaborazione con Consulta Pari Opportunità. Il programma prevede la partenza da piazza Michele Ferrero per sei chilometri di marcia non competitiva e ritorno intorno alle ore 17.00 sempre in piazza Michele Ferrero per il ristoro.

 

In calendario anche due appuntamenti formativi/informativi organizzati dalla Rete Antiviolenza per la sensibilizzazione di parrucchieri ed estetiste. Il primo sarà   nella mattinata di venerdì 11 marzo  all’interno del corso per parrucchieri di Apro Formazione (Strada Castelgherlone, 2/a); il secondo sarà mercoledì 16 marzo in serata, con la collaborazione di ConfArtigianato.

 

Inoltre, per supportare le donne in difficoltà o disagio, il Centro Migrantes Bakhita in collaborazione con l’Assessorato alle Pari Opportunità accoglie il progetto formativo dedicato alle lavoratrici del settore domestico fornendo loro nozioni utili per la quotidianità, anche attraverso modalità interattive ed esperienziali. Il progetto promosso dall’Istituto Universitario di Studi Europei ha avuto l’adesione di circa 30 donne.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *