Alba: presentate le iniziative per festeggiare i 170 anni della “Scuola Materna Città di Alba”

 

 

 

 

«L’Amministrazione comunale di Alba ha fatto e continuerà a fare la sua parte per sostenere  l’Asilo Città di Alba».

 

 

 

È quanto hanno dichiarato all’unisono il Sindaco Maurizio Marello, il Vice Sindaco e assessore all’Istruzione Elena Di Liddo e l’assessore al Bilancio Luigi Garassino, nella sede della scuola materna in via Accademia 1, martedì 12 settembre durante la presentazione delle iniziative dedicate alla commemorazione dei 120 anni dalla posa della prima pietra della struttura, proprio il 12 settembre del 1897, e dei 170 anni dalla fondazione dell’Ente.

 

 

 

Tra gli appuntamenti in programma tra il 15 ed il 30 ottobre 2017, il presidente del Consiglio di Amministrazione Luciano Giri accanto al presidente onorario della scuola Mariangela Roggero Domini, ha annunciato la presentazione ufficiale al pubblico dei restaurati documenti dell’archivio storico della “Scuola Materna Città di Alba” previsto per lunedì 23 ottobre alle ore 18.00 nell’Archivio della Curia Vescovile di Alba in piazza Monsignor Grassi.

 

Secondo quanto ha detto l’archivista Roberta Audenino, i documenti compongono 24 metri di faldoni e ripercorrono la storia dell’istituto dal 1846 fino al 2004 con la chiusura dell’IPAB.  Sono stati restaurati negli spazi della Pia Società San Paolo e sono già consultabili dal pubblico nell’archivio della Curia.

 

 

 

«Lo sforzo di recuperare questo archivio diventato fruibile a tutti – ha affermato il Sindaco Maurizio Marello – ci fa capire meglio la storia di questa scuola e la storia della nostra città sotto l’aspetto didattico e formativo. La caratteristica di Alba è la ricchezza dell’offerta formativa, da sempre a tutti i livelli scolastici. All’offerta pubblica si integra molto bene l’offerta privata che rende più articolata e completa l’offerta formativa complessiva. Tre anni fa ad Alba abbiamo creato quattro istituti comprensivi. Una riforma che sta dando ottimi risultati dal punto di vista formativo perché lo stesso istituto segue i bambini fino al termine della scuola media. Per quanto riguarda la Scuola Materna Città di Alba, l’Amministrazione comunale ha fatto e continuerà a fare la sua parte per sostenerla. Intanto grazie per queste iniziative straordinarie che avete organizzato, quando non è facile governare l’ordinario. Ci mettete davvero un grande impegno e vi siamo riconoscenti».

 

 

 

Prima della presentazione dell’archivio, mercoledì 18 ottobre  ore 21.00 nel Liceo Linguistico e delle Scienze Umane  “Leonardo Da Vinci” di Alba (piazza San Francesco, 1), nell’ambito dell’iniziativa “Cantieri di Cultura”, c’è “I bambini che eravamo. L’archivio della scuola materna Città di Alba racconta i nostri ultimi 170 anni”.

 

 

 

Più avanti, lunedì 30 ottobre alle 21.00 nella sala storica “Marianna Torta Morolin” del Teatro Sociale “G. Busca” di Alba si terranno le celebrazioni dei 170 anni dalla nascita dell’Asilo Città di Alba e dei 120 anni dalla posa della prima pietra della sede di via Accademia.

 

 

 

Alla presentazione delle iniziative sono anche intervenuti gli ex sindaci di Alba: Ettore Paganelli, Tomaso Zanoletti, Enzo Demaria e Giuseppe Rossetto. Accanto ad Antonio Buccolo e Nando Vioglio tra i relatori all’appuntamento del 30 ottobre 2017.

 

Presenti anche i membri del consiglio di Amministrazione dell’Ente: Carlo Bo e Domenico Boeri. Hanno partecipato all’evento anche l’assessore del Comune di Alba Alberto Gatto ed il consigliere Emanuele Bolla.

 

 

 

Attualmente la Scuola Materna Città di Alba è frequentata da quasi 200 bambini. Il Consiglio di Amministrazione è costituito da Comune, Curia, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e Centro Studi “Beppe Fenoglio”. L’istituto scolastico è guidato da Luciano Giri, coadiuvato dalla vicepresidente Maria Cangialosi e diretto da Consuelo Cagnasso.

 

 

 

La scuola ha anche delle sezioni bilingue con insegnanti di madrelingua inglese.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.