Alba: mercoledì 5 marzo alle ore 10.30 inaugurazione ufficiale del Mercato ambulante 2.0 in piazza San Paolo

Mercoledì 5 marzo alle ore 10.30 sarà inaugurato ufficialmente il Mercato ambulante 2.0 di piazza San Paolo ad Alba. L’orario per il taglio del nastro è stato concordato con i 21 commercianti ambulanti selezionati grazie al bando indetto dal Comune e i 6 produttori agricoli di “Campagna Amica” della Coldiretti durante l’incontro di giovedì 27 febbraio nella sala Giunta del Palazzo comunale tra gli operatori e il Sindaco Maurizio Marello, l’Assessore al Commercio Giovanni Bosticco, l’Assessore all’Agricoltura Massimo Scavino, il Direttore dell’Associazione Commercianti Albesi Giuliano Viglione, il Presidente Fiva delegazione di Alba Battista Marolo, il Responsabile di zona della Coldiretti Alba Cesare Gilli.  

Incontro Ambulanti San Paolo_GDivino_1

Durante la riunione sono stati messi a punto gli ultimi dettagli per il lancio della presenza commerciale del mercoledì sulla piazza recentemente restaurata e dotata di un comodo parcheggio sotterraneo sotto i piedi dei visitatori che avranno uno sconto di 0,50 centesimi sul biglietto del parking se fanno una spesa di almeno 10 euro al mercato aperto dall’alba fino alle ore 15.

Il mercato avrà una varietà di stand: salumi e formaggi, pesce, frutta e verdura, dolci, calzature, abbigliamento, articoli per la casa, profumeria, servizio sartoria, presenti anche online con l’apposita “app” per smartphone Albalink e attraverso il sito web http://www.albalink.info/, il network dei commercianti albesi accessibile gratuitamente grazie alla grazie alla rete Wi-Fi dell’A.c.a. attiva sulla piazza per il collegamento gratuito ad internet.

«Il mercato del mercoledì in piazza San Paolo – ha spiegato il Sindaco Maurizio Marello ai commercianti – è una grande scommessa, un’occasione per ravvivare la città, un’occasione per il piccolo commercio, categoria bastonata negli ultimi anni da una grande distribuzione eccessiva, da tassazioni vessatorie, da cambiamenti della legge sulla libera concorrenza. Considerato che la nostra città è basata sul piccolo commercio fisso e ambulante in una zona prettamente a vocazione agricola con prodotti di eccellenza, crediamo sia importante continuare a puntare sulla qualità difendendola. Allo stesso tempo vogliamo dare un servizio in una zona molto popolosa in centro con molti uffici, residenti e scuole. Il mercato avrà un orario più lungo rispetto agli altri in città e sarà sperimentale per un anno»

«E’ un mercato studiato nei minimi dettagli. Abbiamo fatto anche un’attenta selezione merceologica per tutelare ognuno di voi – ha spiegato ai commercianti il Direttore dell’Associazione Commercianti Albesi Giuliano Viglione – E’ un esperimento nuovo. Se avrà il successo auspicato, diventerà una formula da esportare in altre zone».

«E’ un’esperienza un po’ diversa – secondo Cesare Gilli di Coldiretti – di contrasto a quelli che i sociologi definiscono luoghi non luoghi, i centri commerciali dove la gente spesso  va senza neanche saper bene cosa fare. Il mercato è un luogo d’incontro tra le persone, un’occasione di socializzazione e qui sarà su una piazza molto bella recentemente restaurata».

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.