Alba: l’Amministrazione lancerà un bando per la gestione dell’illuminazione pubblica

«Non avendo grandi risorse per interventi massicci, il prossimo mese l’Amministrazione lancerà un bando per la gestione dell’intero sistema di illuminazione pubblica della città. Chi si aggiudicherà la gestione dovrà rifare tutte le vecchie linee elettriche, quelle che consumano di più e illuminano di meno». Lo ha annunciato il Sindaco Maurizio Marello all’incontro “Stop furti” martedì 28 maggio nella  sala conferenze dell’A.c.a. in piazza San Paolo ad Alba.

Aca stop furti_1«Una città ben illuminata – ha affermato il Sindaco – è anche un deterrente alla criminalità e invoglia a viverla anche nelle ore serali».    

All’incontro introdotto dal direttore A.c.a. Giuliano Viglione, il Sindaco Marello ha parlato anche di sicurezza ringraziando l’Associazione Commercianti Albesi per l’organizzazione dell’evento e le forze dell’ordine cittadine rappresentate all’incontro dalla polizia municipale e dal Capitano dei Carabinieri di Alba Nicola Ricchiuti «protagonisti – secondo il Sindaco – di una realtà virtuosa perché in tante circostanze riescono ad assicurare alla giustizia colpevoli di furto e di altre circostanze gestite quotidianamente nei nostri quartieri, in Alba e sul territorio. Li sentiamo vicini come cittadini e come Amministrazione e apprezziamo la grande professionalità con cui il Capitano opera».  Secondo il Sindaco «Alba non conosce la criminalità in senso lato ma sono ben noti i furti. Nell’ultimo periodo il fenomeno ha avuto un’intensificazione soprattutto nelle attività commerciali e questo può essere un segno della crisi. Dobbiamo tutti attrezzarci per farvi fronte sapendo di non vivere in una realtà metropolitana ma in una comunità che ha anche degli anticorpi all’interno come la socialità, la conoscenza tra le persone. Quindi, cerchiamo di tenere vivo questo senso della comunità e cercheremo di fare ulteriori sforzi per dotare di telecamere di sorveglianza le zone sprovviste della città».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *