Alba : l’Amministrazione comunale può spendere. Nelle prossime settimane il bando per la realizzazione della nuova scuola della Moretta.

 

Finalmente l’Amministrazione comunale di Alba può spendere i propri soldi su opere importanti e attese come la nuova scuola media in zona Moretta. Per la prima volta il comune virtuoso ha avuto l’azzeramento del Patto di stabilità con una prospettiva triennale che va dal  2015 al 2018. Questo consente di fare una programmazione della spesa a lungo termine finora non consentita. Nelle prossime settimane sarà pubblicato il bando per i lavori alla nuova scuola media in via Carlo Cencio e l’auspicio è di poter attivare anche una serie di lavori compresi alcuni interventi in campo sociale.

 

È quanto hanno annunciato il Sindaco di Alba Maurizio Marello e l’Assessore al Bilancio Luigi Garassino nel Consiglio comunale di venerdì 26 giugno durante la discussione della delibera sulla “Quinta variazione al bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2015-2017 e conseguente aggiornamento del Documento Unico di Programmazione 2015-2019”.

 

Dopo tanti anni di amministrazione, la Giunta Marello si trova davanti ad una bella svolta tanto attesa e tanto cercata in diverse sedi istituzionali: l’azzeramento del Patto. Secondo quanto hanno spiegato il Sindaco e l’Assessore, fino a pochi mesi fa l’Amministrazione comunale prima di poter spendere doveva accantonare 2 milioni e 800 mila euro, ora un decreto ministeriale consente al comune di avere un obiettivo lordo di € 1.324.387,00 a cui sottrarre i crediti di dubbia esigibilità. Questo porta ad un obiettivo zero sul Patto permettendo al Comune di Alba di spendere sin da quest’anno e per tre anni.

 

«Questo risultato – ha spiegato il Sindaco Maurizio Marello – è stato ampiamente guadagnato e deriva dalla scelta di sperimentazione sulla nuova contabilità fatta quattro anni fa. In futuro si prospetteranno altre difficoltà, come il pareggio di bilancio che sostituirà il Patto, ma se seguiremo il criterio della virtuosità non avremo nulla da temere. Ringraziamo i cittadini albesi che continuano a pagare le tasse e questo ci consente di non aumentarle, di coprire i tagli statali e di attivare cantieri importanti».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.