Alba: inaugurato il nuovo giardino multisensoriale della Residenza per Anziani “A. B. Ottolenghi”

Un nuovo giardino multisensoriale nel cortile interno alla Residenza per Anziani “A. B. Ottolenghi” è stato inaugurato sabato 12 settembre ad Alba.

Ai festeggiamenti è intervenuto anche il Sindaco Maurizio Marello insieme all’Assessore alla Cultura Fabio Tripaldi.

 

«Desidero salutare gli ospiti e i collaboratori della Casa di Riposo Ottolenghi, i famigliari e tutti coloro che hanno contribuito dando una mano per la realizzazione di questo nuovo giardino – ha dichiarato il Sindaco Maurizio Marello Negli ultimi anni l’Ottolenghi è cambiato molto. Molti interventi sono stati fatti migliorando, la struttura, i locali per dare un servizio migliore. È una struttura ottimizzata nella qualità dell’accoglienza e dell’ospitalità. Per questo grande lavoro ringrazio il Consiglio di amministrazione e i consiglieri, il Presidente Giancarlo Penna che ha lavorato con grandissima dedizione per questa causa e tutti coloro, compresi i volontari che fanno sì che l’Ottolenghi sia una grande famiglia, un luogo in cui le persone possano fare delle attività, nutrire degli interessi impiegando bene il loro tempo. Il giardino realizzato grazie ai fondi dell’A.c.a. dimostra quanto la struttura Ottolenghi sia parte integrante della città».

 

«L’anno scorso – ha spiegato il Presidente della Residenza per Anziani “A. B. Ottolenghi” Giancarlo Pennaalcuni lavori di scavo all’interno del cortile hanno portato all’abbattimento di alcuni alberi ormai al termine del loro ciclo vita. L’Associazione Commercianti Albesi nel marzo 2014 ha deliberato la concessione di un contributo per la nostra casa di riposo. Noi abbiamo deciso di destinare l’importo alla realizzazione del giardino multisensoriale che ha provati risultati terapeutici riscontrati soprattutto all’estero».

La realizzazione del giardino è stata curata da un team di architetti e psicologi: Luisa Aimasso, Francesca Cosmai, Matteo Viberti, Chiara Nigrone e Angela Risso.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *