Alba: il Sindaco Maurizio Marello insieme ad assessori e consiglieri al mercatino “Valelapena”

Ieri, domenica 4 ottobre il Sindaco di Alba Maurizio Marello insieme agli assessori Massimo Scavino, Fabio Tripaldi, Rosanna Martini ed Alberto Gatto accanto ai consiglieri Pierangela Castellengo e William Revello ha visitato il mercatino “Valelapena” con i prodotti realizzati in alcuni carceri italiani e sui terreni confiscati alle mafie.

Accanto al “Mercato della Terra”, durante la prima domenica di Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, anche quest’anno in piazza San Giovanni Pertinace la quinta edizione dell’iniziativa con il nome del vino prodotto con le uve coltivate nella Casa di Reclusione “Giuseppe Montalto” di Alba.

In tutto una decina di gazebo con il vino “Valelapena”, il miele “Dolce Bottino”, le nocciole, la marmellata d’uva e le piantine nate nel carcere diretto da Giuseppina Piscioneri con il supporto dell’agrotecnico Giovanni Bertello ed il formatore Sergio Pasquali, accanto al Comandante della Polizia Penitenziaria Giuseppe Colombo e al Garante regionale dei diritti dei detenuti e delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà Bruno Mellano.

Intorno gli altri prodotti: “Marte – Cose buone da dentro”, il charity shop torinese promosso da 14 realtà piemontesi che lavorano nelle carceri e che raccoglie i prodotti di qualità, alimentari e non realizzati negli istituti di pena di tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia; “Ferro e Fuoco & La Gang del Truciolo” con articoli in ferro battuto e legno realizzati nelle case di reclusione di Fossano e Saluzzo; “Cascina Macondo” con le produzioni artistiche di ceramica Raku della Casa di Reclusione di Saluzzo; i prodotti dei laboratori creativi dell’Istituto Penitenziario Minorile “Ferrante Aporti” di Torino realizzati da Foorcoop; “Creazioni al Fresco” del carcere femminile di Genova Pontedecimo; “Italforno” la focaccia, i dolci ed il pesto dell’Istituto penitenziario di Genova Marassi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.