Alba : il Consiglio comunale ha approvato il regolamento per il riconoscimento delle unioni civili

 

Il Comune di Alba riconosce le unioni civili, quelle unioni formate da due persone maggiorenni, dello stesso sesso o di sesso diverso che non siano legate da vincoli giuridici come matrimonio, parentela, affinità, adozione e tutela, curatela, coppie conviventi da almeno un anno e con residenza nel Comune di Alba.

 

Il regolamento per il riconoscimento è stato approvato durante il Consiglio comunale di giovedì 30 luglio con il voto della maggioranza e l’astensione dell’opposizione.

 

 

A presentarlo è stato il Sindaco Maurizio Marello che ha detto: «Si tratta di una delibera di rilievo. Con questo documento il Consiglio comunale assume una decisione che il Parlamento italiano avrebbe già dovuto prendere da tempo.  Dare un riconoscimento alle unioni civili significa dare dignità a tutti i cittadini e rimuovere quegli ostacoli che impediscono tale dignità. Noi lo facciamo partendo dall’articolo 7 dello Statuto comunale secondo il quale  il Comune di Alba “afferma la eguale dignità di tutti i cittadini, opera per la rimozione degli ostacoli d’ordine economico e sociale che impediscono lo sviluppo della persona umana, promuove e garantisce la partecipazione dei cittadini, singoli ed associati, alle scelte politiche della comunità”. Le persone unite dall’unione civile devono avere gli stessi diritti di quelli legati da altri vincoli come il matrimonio su tematiche come l’accesso alla casa, l’assistenza sociale, le politiche per giovani, genitori e anziani, sport e tempo libero, formazione, scuola e servizi educativi, diritti e partecipazione, trasporti».

 

 

 

Il Sindaco Maurizio Marello ha anche spiegato che non possono iscriversi al registro le coppie legate tra loro da vincoli giuridici  e di parentela fino a quarto grado, le persone coniugate con altri soggetti, anche se separate legalmente; le persone divorziate se non è stata ancora annotata la sentenza di divorzio; le persone che appartengono ad un’altra forma di unione civile riconosciuta; le persone coabitanti per motivi di studio, lavoro, religione o motivo che non sia legato ad un vincolo affettivo.

 

Il regolamento ha acceso un ampio dibattito in Consiglio. Il Presidente della  quarta commissione William Revello ha parlato di «delibera dal doppio significato: riconoscere e non discriminare», mentre il Consigliere Pierangela Castellengo ha dichiarato «atto dovuto, atto di civiltà ed un importante segnale politico». Secondo il Consigliere Paola Farinetti «La norma privilegia gli omosessuali che in questo momento non possono sposarsi».

Dall’altra parte l’opposizione ha deciso per l’astensione perché secondo il consigliere Domenico Boeri «il Consiglio comunale non è il luogo per legiferare su questi argomenti».

 

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Arianna Costaura Boxin ha detto:

    Il comune di Alba e la sua Amministrazione dimostra ancora una volta la sua capacita’ di governare questa citta’ in modo esemplare perche ‘ si interessa ai suoi concittadini, complimenti Signor Sindaco ed auguri perche’ questa bellissima citta’ sia sempre all’avanguardia ed ad esempiodi altri Comuni. L’Unione fa la forza .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *