Alba: grande cerimonia la consegna del diploma di Infermiera Volontaria Croce Rossa Italiana

 «In questo momento difficile, l’umanità ha bisogno dei valori di solidarietà, fratellanza e uguaglianza»

 Croce rossa_2

Sabato 29 giugno nella chiesa di San Domenico ad Alba grande festa della Croce Rossa, la cerimonia della consegna dei diplomi di Infermiera volontaria della Croce Rossa Italiana. La festa è iniziata con l’arrivo della Lampada per la cerimonia del passaggio, poi l’inno nazionale e la lettura dei principi di Croce Rossa. A seguire l’intervento del presidente del Comitato regionale CRI Piemonte Antonino Calvano e il benvenuto del sindaco di Alba Maurizio Marello alla cerimonia insieme all’assessore comunale Olindo Cervella.

«Alla nostra città – ha dichiarato il sindaco Marello – fa molto piacere accogliere questa cerimonia regionale per l’alto valore simbolico che ha. Vorrei esprimere la gratitudine della società civile per quello che fate, per l’assistenza ai più deboli, per il grande lavoro che svolgete. Recentemente ad Alba sono stati aperti due ambulatori infermieristici gestiti dalla Croce Rossa: uno nel quartiere Centro storico e l’altro nel periferico parco Alcide De Gasperi. Anche lì manifestate la vostra vicinanza ai cittadini, in particolare alle persone anziane e alle persone che hanno bisogno».  

Il sindaco Marello ha parlato poi dell’aspetto valoriale della cerimonia:  «il passaggio di consegne è il passaggio di valori contenuto nei vostri principi. La vostra è un’organizzazione che guarda ai bisogni della nostra società, che per certi aspetti sono uguali a quando la Croce Rossa è nata, mentre per altri il quadro generale è cambiato e in questo la vostra capacità è unica nel coniugare il valore dell’umanità ai valori legati al bisogno guardando a coloro che sono in difficoltà. Oggi abbiamo bisogno della solidarietà. In questo momento difficile, l’umanità ha bisogno di valori come la fratellanza e l’uguaglianza che l’Ottocento ci ha consegnato insieme alla libertà, fondamenti delle nostre democrazie. Ma mentre la libertà e l’uguaglianza sono stati coltivati nel Novecento, questo deve essere davvero il tempo della fraternità. È l’augurio che vi faccio e che vi fa la nostra città. Un augurio che ha dentro un grazie per il vostro lavoro».

Così il sindaco davanti ai vertici e alle infermiere volontarie della Croce Rossa, ai rappresentanti delle istituzioni militari e civili. Poi, il presidente Calvano, la vice ispettrice nazionale sorella Nicoletta De Martino  e l’ispettrice regionale sorella Emanuela Bigatti hanno consegnato i diplomi alle allieve dei vari ispettorati piemontesi  che  hanno concluso il periodo di formazione sostenendo gli esami alla Scuola del Corpo infermiere volontarie CRI.

Croce rossa_3

La tradizionale cerimonia del passaggio della Lampada è stata organizzata dall’Ispettorato regionale infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana  Regione Piemonte,  in collaborazione con l’Ispettorato di Alba. 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *