Alba: consegnato all’Amministrazione comunale uno studio sulla pedonalizzazione del centro realizzato dagli studenti dell’Istituto “L. Einaudi”

Venerdì 16 gennaio  all’Istituto di Istruzione Superiore “L. Einaudi”, la scuola per tecnici geometri di Alba, l’Assessore comunale alla mobilità urbana Rosanna Martini, insieme all’Assessore ai lavori pubblici Alberto Gatto, ha ricevuto  dagli studenti dalla classe 5^D C.A.T. uno studio sulla pedonalizzazione del centro storico di Alba. Il lavoro, sollecitato da una iniziativa della lista “Impegno per Alba” e guidato dalla professoressa Maria Grazia Lora, è stato realizzato con l’apporto fondamentale del professor Vincenzo Curti del Politecnico di Milano. 

Lo studio si situa nella prospettiva di un miglioramento della qualità di vita nel centro storico della città attraverso la riduzione del numero di auto circolanti. In quest’ottica, gli studenti hanno suddiviso l’area d’interesse in sottoaree, rilevando in ciascuna, attraverso la tecnica dell’osservazione diretta, la quantità delle auto parcheggiate. Hanno poi analizzato i dati raccolti, creato delle mappe ed elaborato interessanti proposte di intervento.

 

«Il lavoro svolto – ha spiegato l’Assessore alla Mobilità urbana Rosanna Martinirientra in uno degli obiettivi strategici dell’Amministrazione, quello di camminare verso una progressiva pedonalizzazione del centro storico. Meno auto significano meno inquinamento atmosferico e acustico e più vivibilità. I ragazzi dell’Istituto hanno operato con entusiasmo  ottenendo un magnifico risultato. Voglio ringraziarli (e assieme ad essi la professoressa Lora) per il lavoro splendido, che li ha impegnati anche in orario extrascolastico».

 

«Questo studio – ha affermato l’Assessore ai Lavori pubblici Alberto Gatto ci sarà molto utile nelle riflessioni che abbiamo avviato sulla pedonalizzazione del centro storico. Per una città come la nostra essa significa un nuovo motivo di attrazione per i turisti, e di conseguenza ulteriore benessere per le attività commerciali».

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *