Alba ha celebrato il “Giorno del Ricordo”

 

 

 

 

Sabato 10 febbraio 2018 Alba ha celebrato il “Giorno del Ricordo”, in collaborazione con alcune associazioni cittadine.

 

 

 

In città, due le iniziative per conservare e rinnovare “la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

 

 

 

Per il primo evento, una corona d’alloro è stata deposta sulla targa dedicata “Alle vittime delle Foibe” nei giardini di corso Matteotti.

 

Come ha ricordato il Sindaco di Alba prima della deposizione, la cerimonia in città è stata istituita nel 2011, quando i giardini di via Roma sono stati dedicati alle Vittime dei Campi di Sterminio ed i giardini di Corso Matteotti alle Vittime delle Foibe. Questo per avere ad Alba dei segni visibili delle due tragedie che aiutassero a non dimenticare ciò che accadde durante la Seconda Guerra Mondiale.

 

 

 

Dopo le parole del primo cittadino ed un momento di raccoglimento davanti alla targa, il corteo si è spostato nella chiesa di San Giuseppe per il secondo evento: l’inaugurazione della mostra “Reciproco ricordo. Storia delle Foibe”. Qui, oltre all’intervento del Sindaco e del presidente dell’associazione “Beato Padre Girotti”, ha portato al pubblico la propria testimonianza anche Bruno Blascovich profugo giuliano dalmata a 12 anni.

 

La mostra “Reciproco ricordo. Storia delle Foibe” è visitabile fino al 18 febbraio 2018 dalle ore  15.00 alle ore 19.00.

 

 

Negli stessi orari e nella stessa chiesa è accessibile anche l’esposizione “1938-1945. Con le leggi razziali verso i campi di concentramento”, sempre fino al 18 febbraio. La visita è possibile anche al mattino su prenotazione, per le scuole di ogni ordine e grado.  Per prenotazioni e informazioni: telefono 338 5622121 (signor Renato Vai).

 

 

Alle due cerimonie dedicate al “Giorno del Ricordo” hanno partecipato anche assessori e consiglieri comunali.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *