Alba: ad “Alba Truffle Bimbi” la campagna sulla prevenzione dell’obesità infantile. Prossimo appuntamento sabato 10 novembre ore 17.00

Sabato 20 ottobre nel Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” di Alba, all’interno di “Alba Truffle Bimbi” è stata presentata la campagna sulla prevenzione dell’obesità infantile “Dai il giusto peso al suo stile di vita: bimbingamba si diventa!”, a cura della Compagnia di San Paolo, nell’ambito del Programma ZeroSei destinato ai bambini.

All’interno dello spazio ludico-didattico dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie allestito durante la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, il professor Gianni Bona referente scientifico, insieme ad un team di animatori, ha spiegato a grandi e piccini la coreografia della mascotte “Daidai”.

All’evento ha partecipato anche l’Amministrazione comunale di Alba con il Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Familiari e Sociali Elena Di Liddo.

«Ringrazio la Compagnia di San Paolo per aver portato ad Alba il loro interessante progetto – dichiara il Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Familiari e Sociali Elena Di Liddo  – Lo spazio Alba Truffle Bimbi è un luogo in cui i bambini, attraverso il gioco, imparano l’importanza del vivere sano attraverso la buona cucina e la tutela del territorio. Invito tutti a partecipare al prossimo appuntamento».

Il prossimo evento con l’animazione della mascotte “Daidai” sarà sabato 10 novembre 2018 alle ore 17.00 nel Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” di Alba, sempre all’interno di “Alba Truffle Bimbi”.

“Dai il giusto peso al suo stile di vita: bimbingamba si diventa!” condotta su base regionale e di durata semestrale, si dispiega attraverso molteplici azioni: il sito webwww.bimbingambazerosei.it permette di reperire consigli utili legati a un corretto stile di vita e a una sana alimentazione e presenta la mappa delle strutture sanitarie dove trovare assistenza.

L’obesità infantile rappresenta un serio problema sanitario ma anche e, soprattutto, sociale. I dati della rilevazione 2016 di Okkio alla Salute (sistema di sorveglianza su sovrappeso e obesità nei bambini della scuola primaria promosso dal Ministero della Salute e coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità) riportano che all’età di 8-9 anni il 21% dei bambini italiani è in sovrappeso e il 9,3% obeso.

I dati delle regioni del Nord del paese e del Piemonte in particolare (obesità 6%; sovrappeso 18,4%), seppure migliori della media, non sono comunque rassicuranti. Un dato interessante riguarda l’errata percezione che i genitori hanno del peso dei loro figli: il 37% delle madri di bambini obesi/in sovrappeso ritiene, infatti, che il proprio figlio sia sotto-normopeso.

Il programma ZeroSei della Compagnia di San Paolo si propone di potenziare la diffusione della cultura della prima infanzia a livello regionale stimolando pratiche e politiche per l’educazione e la cura dei bambini in una prospettiva multidimensionale, per produrre un cambiamento sul territorio coinvolto, non solo in termini di incremento di offerta e servizi, quanto, piuttosto, nella capacità della comunità di attivarsi, di proporre risposte integrate, di rispondere in modo efficace a nuovi ed emergenti bisogni.

Investire nei primissimi anni di vita risulta, inoltre, un’operazione con rendimenti economici elevati perché punta sul capitale umano e sociale delle persone e rappresenta una scelta che riduce, in prospettiva, i costi di politiche volte a limitare danni che possono insorgere in fasi successive della vita.

La Regione Piemonte ha coinvolto nel progetto le Aziende sanitarie che a loro volta hanno il compito di sensibilizzare i pediatri di libera scelta ed i consultori familiari e pediatrici nel coinvolgimento delle famiglie con l’obiettivo finale di promuovere stili di vita corretti fin dall’infanzia.

Per informazioni:

Compagnia di San Paolo – Ufficio Stampa

Daniela Gonella daniela.gonella@compagniadisanpaolo.it – Cell. 3475221195

Regione Piemonte- Settore Stampa e Nuovi Media

Piero Mora 011 432 4000piero.mora@regione.piemonte.it 335 7751037

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *