Alba: accolto in città il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio

 

 

Sabato 24 novembre nella sala “Beppe Fenoglio” di Alba il Sindaco di Alba Maurizio Marello insieme all’assessore comunale Alberto Gatto, con il presidente dell’Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero Luigi Barbero, il direttore del Centro Nazionale Studi Tartufo Mauro Carbone, il presidente dell’Associazione Commercianti Albesi Giuliano Viglione, accanto al vice presidente dell’Ente Fiera internazionale del Tartufo Marco Scuderi ha accolto il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio.

 

«Da qualche anno la nostra fiera è patrocinata dal Ministero dell’Agricoltura – ha ricordato il Sindaco Maurizio Marello –  La nostra grande manifestazione  genera un indotto considerevole in provincia di Cuneo, sull’accoglienza e la ricettività, con i nostri turisti che si distribuiscono nell’area del basso Piemonte. Da qualche anno la fiera dura da fine settembre a fine novembre e quest’anno ha fatto numeri significativi in termini di presenze turistiche, sia dal punto di vista della quantità che della qualità. Negli ultimi anni si è ampliata anche la nostra stagione che parte a Pasqua e finisce a Natale. La nostra offerta ha saputo integrare gli elementi enogastronomici alla bellezza dei nostri paesaggi vitivinicoli Unesco ed agli eventi culturali. Questo comparto ha dato una grande mano a superare gli effetti della crisi. Sono 6-7 mila gli addetti impiegati in piccole strutture, spesso famigliari. Abbiamo fatto un lavoro di rete con Torino ed altre località piemontesi. Abbiamo comunque bisogno del vostro sostegno».

 

E a proposito di sostegno, il direttore del Centro Nazionale Studi Tartufo Mauro Carbone ha chiesto al ministro supporto per l’attivazione ad Alba di un Osservatorio sul turismo enogastronomico. Questo dopo aver illustrato all’esponente del Governo Conte il mondo del Tartufo Bianco d’Alba, ciò che rappresenta e ciò che porta.

 

«Mi piace tutta l’operazione turistica che avete fatto – ha dichiarato il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio – Siete riusciti a coinvolgere tutti, privati e Comuni. Siete riusciti ad utilizzare la tassa di soggiorno da 1 euro e 50 per la promozione turistica. Sulla parte legislativa relativa al tartufo bisogna lavorare perché non esiste una normativa fiscale e poi bisogna lavorare sul nostro prodotto nazionale. Servono più controlli. Complimenti. In trent’anni siete riusciti a creare tutto questo vuol dire che si può fare. È un bell’esempio che si può realizzare quando c’è un buon prodotto ed una progettualità dietro».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *