Alba: 2 ottobre 2011 – Vale la pena! mercatino dei prodotti dal carcere e dai terreni confiscati alle mafie

E’ stato presentato giovedì 22 settembre nella sala del Consiglio del Comune di Alba, alla presenza dell’Assessore Paola Farinetti e del Presidente delle Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Antonio Degiacomi, “Vale la pena! mercatino dei prodotti dal carcere e dai terreni confiscati alle mafie” che l’81ª Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, nella giornata tradizionalmente dedicata al Palio degli Asini, ospiterà domenica 2 ottobre, in collaborazione con il Mercato della Terra.

Piazza Elvio Pertinace per un giorno si trasformerà nella vetrina dei prodotti realizzati in carcere dai detenuti. Vino, birra, olio, biscotti, pasticceria, miele, formaggio, verdure, marmellate ma anche gadget, bijoux, ciotole, opere e strumenti in ferro battuto, vestiti tutti rigorosamente “made in jail”, “fatto in gattabuia 221;, ma sempre con un ben evidente “codice a sbarre” dalla doppia valenza. Le dolci evasioni della banda Biscotti o il vino “Vale la pena”, fresco di galera e tanti prodotti, prevalentemente enogastronomici, accoglieranno i cittadini ed i turisti e stupiranno per la loro qualità e raffinatezza. Un mercatino di prodotti con un plus valore etico, quando il lavoro è riscatto e recupero in un percorso di reinserimento sociale e di risarcimento civile. E poi pasta, lenticchie, peperoncini, olio, miele coltivati dai ragazzi delle cooperative di Libera Terra sui terreni confiscati alle mafie, per dimostrare che il lavoro vero è libertà e che quei beni sono “cosa nostra”. L’iniziativa promossa dal Comune di Alba e dall’Ente Fiera Internazionale del Tartufo è organizzata in collaborazione con il GOL Gruppo Operativo Locale Alba-Bra, la Condotta Slow Food  Alba Langhe Roero e il Consorzio di Cooperative Sociali CIS di Alba.

Venerdì 14 ottobre, alle ore 21, è previsto inoltre un momento di confronto rivolto a tutta la cittadinanza, con le autorità cittadine, la Casa Circondariale di Alba ed il Consorzio di Cooperative Sociali CIS di Alba, sulle tematiche carcerarie e sulle problematiche relative al reinserimento socio-lavorativo di persone svantaggiate e problemi di giustizia con la visione del film “40% le mani libere del destino” al Cinema Moretta di Alba.

Il film girato a Torino, con la partecipazione di attori esordienti e dei lavoratori della Cooperativa Sociale Arcobaleno, racconta l’esperienza del progetto Cartesio realizzato alla fine degli anni ’90, con la regia di Ric cardo Jacopino, vede anche la partecipazione straordinaria di Luciana Littizzetto. E’ stato richiesto, per le due iniziative, un contributo alla Fondazione CRC.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *