Ad Alba “Armonia di sfere”, la scultura in acciaio di Gino Scarsi fino al 17 novembre

Sabato 19 ottobre sulla rotonda tra corso Torino ed i viali di circonvallazione il sindaco di Alba Maurizio Marello insieme al vice sindaco Leopoldo Foglino e agli assessori Massimo Scavino (Ambiente), Paola Farinetti (Cultura) e Giovanni Bosticco (Commercio) ha scoperto con l’autore Gino Scarsi l’opera “Armonia di sfere”. La scultura in acciaio inox sarà in esposizione temporanea in uno dei punti di accesso e di uscita dalla città durante il periodo della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba fino al 17 novembre.

Armonia di sfere_GDivino_1

«Ci fa piacere posizionare questa scultura nel posto più frequentato della città – ha dichiarato il sindaco Marello –  Durante la settimana su questa strada entrano circa 35 mila auto. E’ tanto e questo ci deve anche far riflettere sotto l’aspetto ambientale. Nelle domeniche di Fiera ci sono decine e decine di migliaia i turisti che vengono a trovarci anche dall’estero e questa opera sarà ben visibile a tutti nel periodo della Fiera. Questo ci fa molto piacere perché impreziosisce la nostra città per alcune settimane e ci fa molto piacere ospitare l’opera di un artista artigiano della nostra terra. Quanto al titolo “Armonia di sfere”, penso che di questi tempi smussare gli angoli è molto importante soprattutto nelle relazioni e nei rapporti interpersonali».

«Riconosco una sensibilità dell’Amministrazione albese per l’arte e la ringrazio per aver ospitato questa mia scultura – ha detto Gino Scarsi – Ho pensato di esporre ad Alba due anni fa dopo aver visto in mostra in città una serie di sculture in marmo totemiche firmate da un autore straniero Park Eun-Sun. Io ho fatto una mostra all’inizio degli anni ’90 sull’energia alternativa. E’ stata l’unica. Fondamentalmente non mi sento un artista ma un artigiano, ma anche gli artigiani esprimono qualcosa. Questa scultura è senza spigoli e non a caso l’ho chiamata “Armonia di sfere” perché la sfera secondo me è la forma più bella».

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *