25 aprile 2011 – 66° Anniversario della Liberazione

 

Cari Cittadini, 

nella circostanza in cui celebriamo i 150 anni della nostra unità nazionale, vogliamo ricordare anche la Resistenza, che tra i suoi meriti ebbe quelli di riunificare il Paese lacerato dalle vicende belliche, di riavviarlo verso gli obiettivi che già erano stati propri del nostro Risorgimento – la libertà, l’indipendenza e la democrazia – e di aprirlo ad una feconda dimensione di collaborazione con le altre nazioni d’Europa.

Le bandiere che sventolano in tutta la città ci rammentino sempre le donne e gli uomini che con il loro sacrificio costruirono, 150 anni fa, e ricostruirono, tra il 1943 e il 1945, l’Italia.

Invito i cittadini e particolarmente i giovani a partecipare numerosi alle manifestazioni in programma.

Maurizio Marello

 

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI CITTADINE

Mercoledì 13 aprile, alle ore 9:30, al Teatro sociale di Alba: “Seguendo il sentiero dei nidi di ragno” spettacolo teatrale a cura dell’Associazione culturale Arno Klein con interventi degli allievi delle scuole medie albesi “Vida – Pertini” e “Macrino”.

Giovedì 21 aprile, alle ore 17, nella sala della Resistenza del Palazzo comunale di Alba: “Islafran storia di una formazione partigiana internazionale nelle Langhe”. Relazione del Prof. Ezio Zubbini. Testimonianze dei partigiani Piero Fagiolo Lanza e Roger Jaquet, presidente dell’Amicale des anciens déportés et maquisards français en Italie di Antibes.

Sabato 23 aprile, alle ore 10, nella Tenuta di Fontanafredda, letture partigiane nel Bosco dei pensieri  a cura di un gruppo composito di attori, autori, cantautori, sindaci e “amici resistenti”.

Lunedì 25 aprile, alle ore 11, a Valdivilla: raduno partigiano e  commemorazione.

Alle ore 20, ad Alba: fiaccolata della Memoria con partenza all’altezza dell’ex caserma di Corso Piave.

Alle ore 21:30 al Teatro Sociale di Alba: concerto di Gianmaria Testa con la partecipazione del clarinettista Gabriele Mirabassi e Nicola Negrini al contrabbasso. Durante la serata si svolgerà anche la cerimonia di consegna del premio “Comandante Paolo Farinetti”.

Le manifestazioni sono organizzate con la collaborazione dell’associazione Colle dalla Resistenza e dell’A.N.P.I. di Alba.

– “I partigiani vanno a Treiso dal ’56.  Ogni 25 Aprile fanno una processione al pilone che ricorda i Fratelli Ambrogio assassinati dai fascisti nel ’44.

Da nove anni a questa parte, per iniziativa del Comandante Paolo, a Treiso, dopo la processione, c’è un concerto nella palestra della scuola. Non ci sono discorsi commemorativi, non parlano le “autorità”, la gente riempie la palestra in silenzio e ascolta. Qualcuno arriva da lontano. Molti sono giovani come i Fratelli Ambrogio e gli altri partigiani nel ’44.

Ogni volta, prima del concerto, mi dico che cantare è poco, che ci vorrebbe un segno più forte, almeno un grido, per questi tempi di resistenza nuova. 

Ogni volta mi dico che il concerto è solo un pretesto.  Conta la presenza.  E il rifiuto di dimenticare.”  Gianmaria Testa  –

Questo è quanto scriveva Gianmaria Testa un anno fa, nel 2010. Ed è vero che andare a Treiso, al Pilone dei Fratelli Ambrogio in regione Canta e poi alla palestra Comunale per un concerto/happening di anno in anno più affollato sotto i cestini del basket, era diventata una bella e sentita tradizione. Ma per il 2011, 150° dell’Unità d’Italia e primo anno del concorso intitolato al comandante Paolo Farinetti che de i 25 aprile a Treiso era stato da sempre l’animatore, si è deciso di cambiare e di trasferire l’intera manifestazione nella Città di ALBA, Medaglia d’oro per la Resistenza.

Festeggiare il 25 aprile anche nel giorno di Pasquetta, significa assumersi la responsabilità che l’eredità dei Partigiani è nostra e che dobbiamo portarla avanti, rinnovandola di anno in anno. Una resistenza fatta di parole e azioni, di coscienza civica e di presenza nella vita pubblica delle nostre città, del nostro Paese. Come si è detto tante volte, il 25 aprile ha tagliato in due, con forza, un prima e un dopo nella Storia Italiana, perché proprio grazie all’azione dei Partigiani l’Italia ha saputo riacquistare in extremis una sua dignità e noi oggi siamo quel che siamo, nel bene e nel male, cittadini di uno stato democratico con una costituzione da difendere.

Il gruppo locale dell’A.N.P.I. è un’associazione vivace, ci sono persone capaci e tenaci. C’è da ben sperare, l’eredità non andrà persa.

Confidiamo dunque che la tradizione dell’andare a Treiso, in collina, possa continuare con l’identica passione anche ad ALBA, nella città dei “23 giorni”, quella che ha dato i natali a Beppe Fenoglio.

IL PROGRAMMA DELLA SERATA

La FIACCOLATA si svolgerà per le vie del centro cittadino. La partenza sarà alle ore 20 in corso Piave all’altezza dell’ex Caserma di C.so Piave (ora Media Macrino) dove ci sono varie lapidi dedicate a Caduti Partigiani per proseguire insieme verso il Monumento alla Resistenza collocato davanti all’Ex Casa Fenoglio, in piazza Rossetti. Dopo la Fiaccolata, ritrovo alle 21.30 al TEATRO SOCIALE per il “solito” concerto di Gianmaria Testa. Quest’anno l’appuntamento sarà particolarmente ricco, perché oltre a Gianmaria, ci sarà sul palco il grande clarinettista Gabriele Mirabassi, non nuovo alle sue partecipazioni partigiane, e Nicola negrini, al contrabbasso. Marco Revelli, presidente della Giuria del Premio Comandante Paolo Farinetti e figlio di Nuto, avrà il compito di intercalare con alcune letture in tema il concerto.

Il Concerto di Gianmaria Testa e Gabriele Mirabassi è ad ingresso gratuito (fino ad esaurimento dei posti disponibili).

Durante la serata si svolgerà inoltre la cerimonia di premiazione del bando di Concorso intitolato a Paolo Farinetti (Prima edizione) rivolto a opere scientifiche, cinematografiche, teatrali dedicate al tema della Resistenza nelle Langhe e nel Piemonte. Il Premio, voluto dalla famiglia Farinetti, è promosso dall’A.N.P.I. – sezione di Alba, dall’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo e dal Comune di Alba, città medaglia d’oro al valor militare. Il premio vuole essere di stimolo a studenti e giovani studiosi a misurarsi con il patrimonio di esperienze e di valori che personalità come il comandante Paolo ci hanno lasciato, con tutti gli strumenti della moderna ricerca e comunicazione. La Giuria giudicatrice è presieduta da Marco revelli che sarà presente alla serata.

Per informazioni:

Teatro Sociale di Alba, tel. 0173 35189

A.N.P.I. Ing. Enzo Demaria tel. 0173 440028 – Renato Vai tel. 0173 442083

Produzioni Fuorivia, tel. 0173 366549 – info@produzionifuorivia.it

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *